Varesotto ’09: SOMMA L. – III tappa – i protagonisti2

Ho forse  sbagliato a Somma?
Sull’esperienza della partenza caotica e disordinata di Besnate questa volta, a Somma, mi sono portato mediamente in testa al gruppo di partenza non dopo aver scambiato qualche impressione con Ettore riguardo al giro e che mi raccontava della sua disavventura nell’arrivare al punto di ritrovo (anche a me è successo la prima volta che ho corso a Mezzana) che è rimasto invece rigorosamente in fondo al serpentone. Pronti via e tenendomi sull’estrema sinistra per non intralciare i più veloci è cominciata la folle galoppata; risucchiato da i più veloci i primi 2km sono volati via in attimo e me ne sono reso conto guardando il crono, 9’30”, frenata brusca ma il danno oramai era fatto e ho pagato in parte in salita quella folle corsa. Punito sì ma non troppo;  Potevo far meglio ma male non è andata, nell’ultima volata prima del traguardo ho ancora recuperato ricevendo  gli applausi dall’amico Sergio che ha sottolineato il mio arrivo esclamando: “hai superato anche Vittorina!!!”  Ora la mia media sul giro è sceso… Antonio Capasso e QUI


ettore La serata parte male ma finisce bene!
Cari amici,
ieri sera sono sbarcato a Somma Lombardo dal treno alle 19,45 e mi sono recato “di corsa” al ritrovo che sul sito degli organizzatori del Giro era indicato come “antico portico sul Viale del Santuario”; avevo scaricato dal sito del comune di Somma la piantina con lo stradario della città e mi era segnato il percorso per arrivare in Viale del Santuario.
Peccato che il ritrovo non fosse lì (sigh!) …
Grazie ad un passaggio da parte di un altro podista che si era pure lui recato in Viale del Santuario sono riuscito ad arrivare al ritrovo che erano già le 20,15; era al santuario della Madonna… >>>Ettore “Viale del Santuario” Compa


Gabriele Al Santuario insieme ai reduci della Cortina-Dobbiaco…
Non c’è due senza tre: eccoci al Santuario di Somma pronti per una nuova rincorsa su un percorso noto per le sue insidie. Alcuni sono reduci dalla Cortina-Dobbiaco, 30km su sterrato con 15km di salita e altrettanti in discesa nella splendida cornice delle dolomiti, come Gaetano: lui è un po’ malconcio col mal di schiena (auguri di una pronta guarigione) ma è un vero gladiatore: lotta sempre contro sfortune e infortuni e oggi c’è. La sua lepre, Roberto, oggi sarà libera di correre ai suoi ritmi, e sebbene ami le distanze lunghe farà un’ottima gara. Rizziero mi chiede lumi sul percorso: semplicissimo prima metà tutta giù, seconda metà tutta su fino alla cima di via Montello: un nome garanzia di fatica, affanno e sudore. Qualche donna si spaventa ma le garantisco… >>>Gabriele Gallivanoni


ossona Sara, non ce lassà!
Dato che si va a Somma Quelli della Via Baracca si adeguano e sommano un componente al sestetto base.  E’ la dolce Sara che la natura ha dotato, oltre che di due magnetici occhi azzurri, di un fisico perfettamente strutturato per la corsa.
In compenso non le è stata fornita alcuna cattiveria agonistica per cui, pur potendo ambire a prestazioni di rilievo, la dolce (e pigra) preferisce di norma traccheggiare a centro gruppo.
Gruppo di podisti che si presenta foltissimo anche qui al Santuario di Mezzana mentre rispetto all’anno scorso è inferiore il gruppo delle zanzare che ci aveva massacrato durante l’attesa del via nel campo da calcio.
Grazie al criterio delle gabbie questa volta la partenza… >>>
Michele Romanini
ETTORE>>> GABRIELE>>> MICHELE>>> QUI
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: