Milano – Green Race…

 
 
Se avessi avuto il dono dell’ubiquità oggi avrei corso volentieri a Cremona, Albizzate, Bergamo e Ossona, ma essendo solo Uno ad avere quel dono, sono stato a Milano alla Green Race; vado sempre volentieri a Milano  perché è stata la mia città per oltre un trentennio ed è sempre occasione per incontrare amici antichi ed amici podisti che altrimenti non vedrei tanto spesso,  infatti i primi incontri li ho avuto con Loris e Rodolfo (con pettorale per la 2 km!!!), poi Fabio (concorrenza!) con pettorale da 10… e macchinetta fotografica, Simona Baracetti, una simpatica fanciulla tutta ossa, muscoli e potenza, che non a caso ha tagliato per prima il traguardo al  femminile ed è tornata a casa… con coppa e bicicletta… vinta!
Terminate le divagazioni devo dire che la scenografia del percorso all’interno del Parco delle Cave è suggestiva, 2 giri da 5 km (certificati Fidal …non cominciate a raccontare che il vostro satellitare diceva che…!) su sterrato e qualche pezzo d’asfalto (lì per caso), il laghetto artificiale, qualche cascina, nessuna automobile, una splendida e calda giornata di sole e tanto verde. L’organizzazione ha funzionato meglio dell’edizione precedente (la prima), la partenza alle ore 11 è stata rispettata ed il ristoro finale questa volta non ha fatto arrabbiare nessuno. Io penso che se nella prossima edizione si riesca a contenere ancor più la parte introduttiva pre-gara (dedicata alla politica e ai politici) e si anticipi la partenza alle 9.30, (anche perché, chi come me viene da lontano, ritornando a casa trova la pasta scotta!), maggiori saranno le presenze.
La mia gara: ancora una volta sono contento nonostante il percorso non si possa definire veloce. Sterrato, giri di boe, strappetti e qualche gradino non mancavano, verso il settimo chilometro ero disfatto dal caldo e perdevo colpi quando all’improvviso… è comparso davanti a me Andrea, nel parco ad allenarsi: “Andrea tirami un po’ che sono alla frutta!” Così ho ripreso vigore e ho ripreso chi mi aveva superato. Andrea si è guadagnato il ristoro senza pettorale!
Domenica prossima io e Arturo saremo ancora a Milano per il Trofeo Montestella, se qualcuno di voi ci segue e se incontrate Rodolfo (Lollini) fatevi descrivere tutti i pregi… del bicarbonato, ma non parlategli del Compa!
Antonio Capasso
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • Roberto  On 19 ottobre 2008 at 22:21

    Caro Antonio, te l\’ho scritto sul Facebook e lo riscrivo qua. Ad Albizzate sono stato scarrozzato dal mio amico Ale, che ha corso come me. Sulla strada del ritorno, Ale se ne uscito con la seguente frase – due punti, aperte virgolette – mancava solo una cosa oggi: il Capasso – chiuse virgolette. Antonio, tutti ti cercano e tutti ti vogliono. Lungo il tracciato e all\’arrivo c\’era chi filmava e faceva foto. Ne sai qualcosa? È dei nostri?Domenica prossima penso di azzardare la Mezza a Trecate.CIAO!

  • OneMarathonForCapasso -  On 20 ottobre 2008 at 00:18

    Da un po\’ di tempo in tutte le tappe del Piede c\’è qualcuno che fotografa e filma, ho motivo di credere che sia qualcuno dell\’organizzazione, ma poi che fine facciano questi documenti è un mistero anche per me.
    Se decidi di non azzardare per la Mezza di Trecate…. azzarda Montestella.
    Grazie per i complimenti, sei un promoter eccezionale!
    Antonio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: