GAGGIANO: i Colori del Naviglio half marathon

 
DSCN1690E DOPO "I NAVIGLI" SFIDE IN VISTA…
Caro Antonio, voglio ringraziarti per esserti ricordato di me nel tuo articolo sulla bellissima mezza maratona dei Colori del Naviglio, ma forse la stanchezza per aver fatto ben metà della mezza ti ha un po’ confuso le idee. Non solo non sono arrivata ultima ma neanche quasi ultima, dato che dopo di me sono arrivati altri 30  concorrenti. Ma soprattutto non ero affatto disperata, anzi ero contentissima (anche se per pochi metri non ho raggiunto Marco Scianca) per aver corso in 2.04’, che quest’anno è (finora) il mio miglior tempo… molto migliore di quello fatto alla mezza del Lago Maggiore, dove sono arrivata mano nella mano con te… mi dispiace proprio che stavolta hai preferito sfuggire il confronto, ma sono sempre pronta a concederti un’occasione per arrivare prima di me… naturalmente se riuscirai a scendere sotto le 2 ore.
Con affetto,
Cinzia Di Legge (Atletica Vignate)
La provocazione ha fatto uscire il “ragno dal buco”……. Cinzia, accetto la sfida, ma….scendere sotto le 2 ore, per me, non è un’eccezionalità!!
Scegli il terreno e a presto,
Antonio
 


25/04/’08 TRADATE Matteo Raimondi al Memoria Max
DSC_5164 - Copia Ciao Antonio,
eccomi qua… un po’ in ritardo, ma con emozioni da raccontare e da condividere. Emozioni come quelle di ritrovarsi alle due del pomeriggio in un piazzale assolato di Tradate dove il sole ed il caldo soffocante facevano riaffiorare le belle sensazioni dell’estate passata e dell’estate che verrà; emozioni come quelle di veder arrivare poco alla volta gli amici atleti e (aimè) atleti anche di un certo calibro; emozioni come quelle di partire abbastanza tranquilli per poi via via aumentare il ritmo cercando di stare appiccicati a quel fenomeno che porta il nome di Oukhrid che venerdì non aveva nessuna voglia di aspettare gli ultimi km per innescare la quinta.
Per il primo km e mezzo si viaggia compatti con davanti, a fare l’andatura, il bravo Paoletta, Scarton e Castelnuovo e al mio fianco un nugolo di marocchini, dal tranquillo Oukhrid, a Belfakir, Nader, Argoub e agli atleti del varesotto Franchi, Basoli, Toniolo. Arrivata la prima salita ….>>>VAI MATTEO, VAI >>>>

DSC_5838 Ciao Rodolfo, come è andata la gara?
Bene, molto bene. Sono andato via tranquillo fino al 10 km, in scioltezza.
Poi ho incontrato Michele Romanini, quello di Ossona. Era in piena crisi. Cotto.
Mi ha supplicato di stare con lui e lo accompagnato fino all’arrivo. Poi però al rush finale l’ho sorpassato.
Io son troppo buono. Se andavo via da solo finivo almeno 5 minuti prima.
I miei compagni ci avevano creduto. Poi salta fuori quel pistola del Capasso che mi pubblica questa foto….
Io sono quello col 536, Romanini è quello che ride davanti…
E adesso che ci crede più a quello che racconto?!?
Rodolfo Lollini

I colori del Naviglio di  Michele Romanini
Qual’è il modo migliore per cancellare le brutte sensazioni provate alla Stramilano del 6 Aprile scorso? Naturalmente correre al più presto un’altra mezza e la nona edizione de "I colori del Naviglio" è come il cacio sui maccheroni.
Ero già stato al Boscaccio nel 2005 e, pur in una giornata carica di pioggia, avevo portato a casa il ricordo di una gran bella manifestazione e nel 2008 non posso che confermare.
Prima di partire si discuteva del costo di iscrizione, per qualcuno un tantino alto. Devo dire che pacco gara e ristoro finale compensano tranquillamente la cifra.
E poi vuoi mettere la location (si dice così, no?) con laghetto e tantissimo verde?
Da migliorare c’è solo la partenza: in mancanza di gabbie o di chiusura della zona start è regola che chi ultimo arriva meglio alloggia anzi, come stamattina, fa un pezzettino di percorso in meno.  Non voglio assolutamente polemizzare, solo porre la questione all’attenzione di un’organizzazione che già quest’anno ha saputo ovviare alla grande al problema della segnaletica stradale: sistemeranno anche la partenza.
Oggi mentre effettuavo il primo giro, osservando i cartelli che si riferivano al secondo, ragionavo: è una metafora della vita. 
Nei primi kilometri, quando si è "piccoli" ma pieni di energia, si vorrebbe essere subito "grandi", si vorrebbe essere già un giro dopo,  consci però del fatto che  quando torneremo lì le forze non saranno più le stesse , anzi i peccati di gioventù  (cattiva gestione del ritmo in partenza) si pagheranno eccome.
E mentre mi attorcigliavo in queste filosofie da strapazzo realizzavo che la chioma bianca del grande Remo da Cinisello era lì davanti, ma non accennava ad avvicinarsi: anche stavolta mi ha battuto, ma lui non è una metafora, è una leggenda.
Michele
 
Tutto quello che potevo dire, in bene o in male, su – i Colori del Naviglio  half marathon – con tutti i crismi dell’ufficialità (giudici Fidal in prima linea) l’ho detto l’anno scorso, poco mi resta d’aggiungere, anzi  ho qualcosa da sottrarre: nell’edizione passata ebbi difficoltà a trovare il la zona del ritrovo, quest’anno tutto liscio grazie agli uomini in giallo dell’organizzazione posti in posizione strategica all’uscita della tangenziale di Milano… e al navigatore spento!
Mezza Maratona che meriterebbe, dal mio punto di vista, più successo in termini numerici, (671 al traguardo, oltre 700 gl’iscritti) in quanto è una competizione organizzata in maniera perfetta su un percorso splendido; mi auguro che nei prossimi anni venga meglio pubblicizzata (altrimenti non si capisce come alcune recenti Mezze abbiano raccolto oltre 1000/1500 presenze, risultando poi  pessimamente  organizzate) anche se il percorso attuale, non penso  possa sopportare più di 1000 concorrenti. Bravo Massimo, e bravi tutti quelli della Canottieri  Milano che hanno messo impegno e professionalità per la buona riuscita di questa nona edizione ,  non dimenticando di dispensare sorrisi  a tutti i partecipanti…ed un buffet principesco all’arrivo e un ricco pacco gara che ha ripagato i 20 € dell’iscrizione.
Quest’anno, ancora una volta, ho fatto la mezza della Mezza, ma prometto che nella prossima edizione la correrò tutta ed insieme ad Arturo;  Le foto le lasceremo fare a Sergio, Robertino  e…. non è una minaccia, bensì un augurio.
La piacevole giornata si è conclusa consolando la disperata Cinzia che, in mancanza del Compa , ha tagliato per ultima il traguardo…. o quasi.
Dal Naviglio, un saluto a tutti non prima di ricordarvi che domenica prossima si svolgerà l’annuale “Stravizzola”, 11 o 16 km, nello stupendo scenario del Parco del Ticino.
Antonio

– i Colori de Naviglio – Anteprima fotografica.
Qualche foto scattata da me correndo o cazzeggiando.
Clicca la Foto o il LINK 

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: