SARA SARA! (Una storia fanta-reale) – SECONDA PARTE.

———–
Cela est bientat dit.
Sara ou serà.
Sara che viene tagliata.
Sara che non sa dove andare,
e percorre la terra tra lo sciabordio de mare ed
il fremito degli Eucalipti.
Sara che corre tra l’immensità
e il rapido corso della vita,
tratto di spazio breve,
lungo tempo per pensare.
Saranno fiorite le Jacarande laggiù?
Profumi lontani, pensieri…….
Qui est-cette Sara?
Quoi faire, quoi dire?
A bientôt mes amis.
SARA
La vacanza di Sara – Seconda parte –
Decido: ritorno ai vecchi tempi, autostop! Prima o poi qualche cane si fermerà.
Aspetto un bel po’, sono vicina al distributore nella piazzetta di Viareggio, per fortuna che è in mezzo ad un giardino, per lo meno sono al fresco! Aspetto ma non ne posso più! Caldo, fatica, fame (poi parlano di barrette energetiche vorrei un bel panino burro e prosciutto crudo). Arriva una macchina, un Espace targato Milano (ho i miei pregiudizi di bustocca sui milanesi) dentro un signore con un ragazzino ed un cane. Ci provo! Spero nella simpatia del ragazzo e del cane: << io amo i cani >>. Scusi, lei va verso Ronchi chiedo con voce tremante e gentile << no signora, io sono già arrivato, mi dispiace >>, grazie lo stesso rispondo. Bestia penso dentro di me. Vedo che parlotta un attimo con il figlio, poi apre la portiera  e mi chiama. Signora, signora! Mi scusi per prima, ma lei è in difficoltà e deve arrivare a Ronchi? Si, purtroppo ed in breve gli racconto della corsa e della stanchezza. Allora venga, che in dieci minuti la riportiamo a casa, vero Guido, dice riferendosi al figlio. Rinfrancata salgo in auto. Ci presentiamo, piacere Alessandro, lui è Guido e lei (il cane) è Elsa; Piacere Sara. C’è anche l’aria condizionata! Parlo un po’ del mio sport preferito “la corsa” delle gare, le mezze maratone, ecc.  Lui mi dice che un tempo giocava molto a tennis, ma con gl’impegni lavorativi e gli anni ha lasciato un po’ perdere. L’osservo. E’ veramente un bell’uomo. Ha un che d’indefinibilmente affascinante. E’ un antiquario e si sposta tra Viareggio, Forte dei Marmi e Milano.
Il sorriso, lo sguardo, come si muove, penso tra me “è un mix tra Connery e di Caprio”. Mi chiede se abito a Milano, no, rispondo a Busto Arsizio. La conosce? Oh sì, molto bene.
Improvvisamente il figlio aggiunge: a Busto vive un mio amico. Come si chiama (da brava provinciale), gli chiedo! Valentino, è da tanto tempo che non ci vediamo aggiunge il ragazzo. Insisto, con provinciale demenza, il cognome? il ragazzo alza gl’occhi al cielo e poi con malcelata ironia aggiunge: Valentino Capasso ed abita vicino un grande castello! Io subito Capasso… Capasso… Capasso, allora si! Io conosco Capasso, un Capasso Antonio. E’ il padre? Lo conoscete anche voi? Alessandro, con voce flautata mi dice: forse è lui, ma io conosco o meglio ero più amico della moglie. Abitavamo entrambi a Milano fino a qualche anno fa. Allora è lui dico, mi aveva detto che aveva vissuto a Milano, subito gli racconto dei suoi incoraggiamenti, dell’aiuto datomi e delle gare fatte insieme. Alessandro mi guarda (mi sento sciogliere) e con voce dolce e bassa mi dice siamo a Ronchi, se m’indica dove, la porto sotto casa. Poi sempre guardandomi aggiunge, conosco Antonio piuttosto superficialmente era con la moglie ed il bambino che facevamo tante cose insieme, si andava al parco, in piscina ai giardinetti ai parchi acquatici ci raccontavamo dei nostri figli, delle speranze che nutrivamo per loro; Talvolta abbiamo scoperto che stavamo leggendo lo stesso libro, sì con lei c’era amicizia…… con lui solo conoscenza. Siamo arrivati, ecco il numero 18. Grazie. Buon viaggio. Buona permanenza. Ci saluti i signori Capasso e Valentino. Sono le quattro, perfetto orario. Perfetta corsa. Meraviglioso incontro, peccato che il discorso è deviato sulla moglie e figli e non abbia apprezzato a pieno ciò che gli ho raccontato sulla meravigliosa esperienza della corsa. Tra poco arriverà mio marito, con in mano forse un dentice o un polpo, puzzolente di pesce e di sudore. Mi dirà com’è andata cara? Bene vero? Sei stata nei tempi stabiliti?
A te caro com’è andata? Bene vedo. Che grandi occhi ha questo polipone? Bravo!
SARA

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • elias  On 31 agosto 2006 at 12:00

    hi antonio
    u visited my space and i did the same 2 ur space but am so sorry that i don\’t understand italian so can u tell me what is all about in english because it is seems so intresting
    u can mail me 2 if u like
    have a wonderfull day and GOD bless u
    elias

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: